Parcheggio gratuito, residuo di socialismo reale.

Siamo abituati a pensare che aumentare i costi relativi alla gestione di un’auto sia una misura che si ispira a concetti e ideologie di sinistra. Invece si può benissimo essere di destra (molto di destra) e, coerentemente con il proprio pensiero e le proprie opinioni, essere contemporaneamente spietati fustigatori di abitudini e costumi automobilistici.

– by Michael Andersen

… Di tutte le misure socialiste che l’economia Obamiana ci sta facendo ingoiare cosa c’è di più pericoloso del parcheggio gratuito? In un quartiere dove il terreno costa dai 50 ai 100 dollari al piede quadrato il governo cittadino ha acquistato centinaia di posti auto su strada di 130 piedi quadri l’uno – 8.000 dollari – sui due lati della strada e si è fatto carico della loro manutenzione senza chiedere una lira. Le elite di Nob Hill utilizzano questo spazio prezioso per parcheggiarvi i loro veicoli a spese dei contribuenti.

Parassiti, amici miei. Sciacalli. Mantenuti del welfare.

Gli effetti? Preziosissime aree sprecate che fanno lievitare le tasse di proprietà e di conseguenza i prezzi delle abitazioni. Una ridistribuzione di ricchezza dal lavoratore medio Joe alle avide mani degli automobilisti.

E’ un omaggio speciale del Club Sam (Sam Adams, sindaco democratico di Portland, ndt). Più auto lasciate ad arrugginire lentamente sulla strada, più risparmiate – e più ingigantite il sussidio che ricevete dal governo.

Al contrario uno stallo blu per biciclette (il parcheggio preferito dai Repubblicani) costa 120 dollari per l’installazione e non ha bisogno di nessuna manutenzione dai sindacalizzatissimi dipendenti pubblici richiedendo, rispetto a un posto auto, il 90 per cento in  meno di prezioso spazio commerciale.

Ho chiesto al sindaco “Scam” Adams cos’ha intenzione di fare dei parcheggi socialisti nel NW 23rd (il quartiere di cui si parla all’inizio dell’articolo, ndt)

“Bè, è una tradizione ormai consolidata e iniziata dai nostri antenati, anche se la stiamo rivedendo” ha risposto. Ha farfugliato qualcosa sul patetico piccolo esperimento dei parcheggi a prezzi variabili in base alla domanda, situati presso lo stadio di calcio in fondo alla via. Quando la domanda sale nei giorni delle partite, ha spiegato, il prezzo cresce automaticamente da 1,60 $ a 3.50 $ all’ora.

Bella idea, ho risposto, accarezzandomi i baffi. Ma perchè non applicare questo meccanismo di mercato ovunque in città, come hanno appena cominciato a fare a San Francisco?

“C’è un problema di accettazione dell’utenza” ha detto Adams, “e di preoccupazioni delle attività economiche”.

Prosopopea liberal.

Adams ha proseguito suggerendo che il parere della Commissione sui parcheggi della zona nordovest, previsto per il prossimo inverno, potrebbe raccomandare lo stanziamento di risorse per il trasporto pubblico a favore dei lavoratori del quartiere insieme al’introduzione dei parchimetri.

Non ce ne è bisogno, gli ho detto – mettete semplicemente i parchimetri e continuate a regolarne le tariffe fino al momento in cui  c’è sempre a disposizione qualche posto auto libero. E’ semplice microeconomia di libero mercato americano: se una bicicletta da 100 dollari o un biglietto del tram da 2.05 $ della Trimet diventano più convenienti dell’auto per i lavoratori del quartiere il problema è risolto.

“Non se lavori con paghe ai minimi sindacali” ha risposto Adams. “Sotto questo aspetto c’è un problema di equità sociale, di giustizia sociale e di equità economica”

Chiaramente l’uomo non comprende l'”equità” del libero mercato. Ho riattaccato.

# # #

Michael Andersen pubblica Portland Afoot, una rivista sulla vita a bassa intensità automobilistica. Vota sempre Repubblicano. E si capisce.

###

Sui parcheggi, una delle leve più potenti per cambiare la faccia dei nostri sistemi di mobilità consigliamo anche i seguenti post su NM

I parcheggi non sono toilettes

Parcheggi a prezzi di mercato per evitare estorsioni

Il costo opportunità di un parcheggio in una foto

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...