Honk! Car pooling a Modena

E’ partito alla fine del mese scorso, in Provincia di Modena, “Car Pooling Modena“, un servizio di car pooling il cui avvio, in via sperimentale, prevede l’utilizzo per il momento da parte dei soli dipendenti dell’Amministrazione comunale e della Provincia attraverso un sistema online che è in grado di effettuare l’intreccio dei dati prima, e poi di fornire degli equipaggi virtuali in base alle destinazioni che sono state inserite.

L’obiettivo dell’Amministrazione provinciale con “Car Pooling Modena” è quello di garantire lo snellimento della circolazione, ma anche l’abbattimento delle emissioni inquinanti; dopo la fase sperimentale, non a caso, il servizio sarà poi esteso anche a favore dei dipendenti delle aziende pubbliche e private che in merito avranno sottoscritto una specifica convenzione d’uso.

La gestione, l’attivazione ed il finanziamento di Car Pooling Modena è a cura del Comune, della Provincia di Modena e dell’AMO, Agenzia per la Mobilità di Modena, per quella che è un’iniziativa in linea con quanto da tempo avviene nei Paesi del Centro e del Nord Europa. Ma come funziona Car Pooling Modena? Ebbene, al riguardo basta collegarsi al sito Internet http://www.carpoolingmodena.it, effettuare l’iscrizione/registrazione  e riportare/aggiornare le coordinate dei propri spostamenti; a questo punto grazie al database il sistema va a confrontare i dati ed a fornire all’utente le sovrapposizioni su orari e percorsi in modo tale da potersi mettere in contatto con chi effettua gli stessi viaggi.

da Ecologiae.it

Advertisements

2 pensieri su “Honk! Car pooling a Modena

  1. Purtroppo per noi della Rimessa (http://sistemaciclofficinico.blogspot.com/) che io in questo momento rappresento, abbiamo parlato col signor Stampini e, in buona sostanza, con molta cortesia debbo dire, mi ha detto che non siamo noi il loro interlocutore.

    Speriamo così che qualcuno (più significativo di noi) di Modena ci spieghi nel dettaglio come operativamente hanno intenzione di lavorare per affiancarci, se la questione ci piace, e dar nel nostro piccolo il nostro contributo.

    Purtroppo, noi della Rimessa, da offrire, non abbiamo altro che noi.

    Colgo l’occasione, visto che sono su questa piazza per farci un p’o’ di pubblicità. Visto che la prima nostra mossa a Modena sarà la presentazione di un libro invito tutti (tanto paghiamo noi) a:

    https://docs.google.com/document/pub?id=1KHloL1TOnad8kav01f5xCGOffRHYG3zuMfo9mjNKnTE

    Rispondi
    • Credo che questo commento tocchi un nervo scoperto di molte scelte viabilistiche: la visione totalmente tecnicistica che le ispira, che ignora completamente come la mobilità urbana sia un ambito nel quale i diretti interessati non debbano essere considerati solo come potenziale “utenza” ma come soggetti in grado di individuare problemi, porre domande e cercare delle soluzioni in un confronto quanto più ampio possibile.

      Si tratta di una strada difficile da percorrere ma è l’unica che può riuscire a mettere insieme le multiformi esigenze che un sistema di mobilità urbana deve soddisfare. Qualunque “soluzione”, se imposta dall’alto e non pensata con la collaborazione della cittadinanza coinvolta, di fatto non sarà tale, per quanto possano essere buone le intenzioni che la ispirano.

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...