Negli USA il primo carsharing “peer to peer”

Per molti abitanti delle aree urbane l’idea del possesso di un’automobile è semplicemente priva di senso. La disponibilità di un buon servizio di trasporto pubblico, di autonoleggio, di carsharing o di taxi è più che sufficiente a garantire ogni esigenza. Ma se doveste possedere un’auto, non sarebbe simpatico riuscire a ricavarci qualche extra approfittando del fatto che per la maggior parte del tempo è inutilizzata e può quindi essere messa a disposizione di altre persone?

La neonata compagnia di Boston RelayRides ha appena iniziato una campagna di finanziamento per il lancio di un progetto pilota a Baltimora per il primo servizio di carsharing “peer to peer”. Le risorse ottenute serviranno ad allestire una piattaforma web da mettere a disposizione dei proprietari di auto per inserire i propri mezzi nelle liste di noleggio e dei potenziali utilizzatori per iscriversi e avere accesso ai numerosi veicoli disponibili.

A differenza dei tradizionali servizi di autonoleggio, RelayRides non possiede i veicoli e nemmeno è responsabile per la loro manutenzione. Invece mette a disposizione di proprietari e utilizzatori delle autovetture una piattaforma web che permette loro di entrare in contatto consentendo economie di scala e bassi costi. Gli introiti della compagnia deriveranno da una percentuale (15%) sui costi del noleggio.

Ecco come funziona: se possedete un auto visitate RelayRides e vi iscrivete. Un rappresentante della compagnia vi contatterà per aiutarvi a inserire la vostra auto nelle liste di noleggio. Successivamente un meccanico installerà sull’auto un dispositivo volto a garantire all’utilizzatore l’accesso alla vettura attraverso l’utilizzo di una speciale smart cart. In questo modo non è necessario preoccuparsi della consegna delle chiavi o di dover essere presenti al momento del prelievo dell’auto da parte dell’utilizzatore. RelayRides vi fornisce inoltre di una polizza assicurativa supplementare per coprire i rischi per l’auto e l’utilizzatore. La vostra normale assicurazione vi continua a servire per quando utilizzate voi l’auto. Le due polizze non hanno nessun effetto una sull’altra. A questo punto potete inserire la vostra vettura nelle liste di noleggio. Il proprietario dell’auto ha il pieno controllo sulle tariffe e sui tempi di noleggio.

Se siete preoccupati riguardo a chi noleggerà la vostra auto, RelayRides fa sapere che tutti i potenziali utilizzatori dovranno sottoporsi a dei controlli prima di potersi iscrivere. Solo in caso di esito positivo riceveranno la smart card che dà loro la possibilità di utilizzare le auto messe a disposizione. Il costo di carburante e assicurazione è incluso nella tariffa di noleggio.

Secondo RelayRides un proprietario di auto può guadagnare dai 1300$ all’anno per una utilitaria messa a disposizione per 10 ore alla settimana fino a 12000$ per una berlina di lusso disponibile 30 ore alla settimana.

Mentre Baltimora sarà la prima città a testare RelayRides, ce ne sono altre in attesa di provare questo servizio nei prossimi mesi.

Articolo originale su VentureBeat

Un pensiero su “Negli USA il primo carsharing “peer to peer”

  1. Pingback: P2P car sharing: un servizio per nostalgici degli anni 70 o un pezzo del nostro futuro? | Nuova Mobilità

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...