La condivisione è più sicura.

Le modalità di spostamento innovative che prevedono l’utilizzo dell’auto, come il car sharing o il car pooling, sono più o meno pericolose della guida solitaria dell’autovettura in proprietà? Dalla Gran Bretagna una parziale, promettente risposta a questa domanda. Un’altra freccia nella faretra della Nuova Mobilità.

Condividere uno spostamento con colleghi di lavoro, con degli amici o con la famiglia potrebbe migliorare la sicurezza sulle nostre strade, secondo una ricerca condotta dalla compagnia assicurativa Privilege in Inghilterra, Galles e Scozia.

Secondo la ricerca gli automobilisti che trasportano passeggeri riducono il rischio di incidenti del 50 per cento rispetto a quelli che guidano da soli. Un automobilista su dieci dichiara di essere stato coinvolto in un incidente mentre era alla guida da solo, mentre solo a uno su venti è capitata la stessa cosa mentre trasportava altre persone.

E pare che non siano solo gli incidenti a ridursi quando si trasportano passeggeri. Il 39% degli automobilisti dichiare di aver subito dei cali di attenzione preoccupanti durante la guida in solitaria, ma solo il 22% ha dichiarato di avere avuto lo stesso problema quando era in compagnia. Uno su cinque è stato fermato dalla polizia per qualche infrazione mentre era al volante da solo, ma solo il 9% ha subito lo stesso trattamento quando aveva a bordo altri occupanti.

Nel 2005 circa il 6% degli automobilisti britannici si recava al lavoro condividendo l’auto. Nel 2010 tale percentuale dovrebbe arrivare al 17%.

Philip Igoe, direttore di Car Plus, una fondazione per la promozione dell’utilizzo responsabile dell’auto, ha commentato: “Il car pooling è conveniente e rispettoso dell’ambiente. Inoltre la ricerca di Privilege dimostra che condividere un viaggio può anche ridurre il rischio di incidenti: a questo punto gli automobilisti dovrebbero davvero chiedersi che bisogno c’è di guidare da soli.”

Ian Parker, Managing Director di Privilege ha detto: “La nostra ricerca dimostra i potenziali benefici sulla sicurezza stradale del car pooling. Ogni anno migliaia di persone vengono uccise sulle nostre strade e altre decine di migliaia vengono gravemente ferite. Se la condivisione del viaggio è uno stimolo a una guida più prudente questo dovrebbe essere una giustificazione sufficiente a stimolare gli automobilisti a ripensare alle loro abitudini”.

La principale associazione di car pooling della Gran Bretagna con 99mila membri, Liftshare, ha accolto ovviamente con piacere il risultato della ricerca. Ali Clapburn, direttore di Liftshare, ha dichiarato: “Molti dei nostri membri, specialmente donne, si sentono molto più sicure se sanno di non dover raggiungere la propria automobile da sole a piedi, soprattutto di notte. Quest ricerca suggerisce che ci possono essre ulteriori benefici che riguardano la sicurezza nella condivisione di un viaggio”.

Articolo originale su liftshare.com: https://www.liftshare.com/news.asp?ns=41&tb=g

Un pensiero su “La condivisione è più sicura.

  1. Pingback: Dalla proprietà privata alla fruizione collettiva di beni e servizi: nuovi paradigmi per la mobilità urbana a Taiwan | Nuova Mobilità

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...