Parigi a 30 all’ora!

france paris 30 kph sign

La neo eletta sindaco di Parigi, Anne Hidalgo, ha preparato un rivoluzionario progetto di mobilità sostenibile grazie al quale la velocità massima consentita su tutte le strade cittadine sarà quella di 30 km/h.

Uniche eccezioni pochi assi di penetrazione nella città e lungo la Senna, dove il limità sarà di 50 km/h, e la circonvallazione esterna  (périphérique)  dove il limite è stato recentemente portato da 8o a 70 km/h. All’altro estremo di questo spettro di velocità ci sono un certo numero di “zone di incontro” (zones de rencontre)  sparpagliate per la città dove pedoni e ciclisti hanno sempre diritto di precedenza e le automobili devono viaggiare a 20 km/h. Genuina révolution à la française.

Continua a leggere

Trasporto pubblico gratuito e riduzione dei km/vettura.

2014-03-29-172912_215x205_scrotIn Italia proporre il trasporto pubblico gratuito suona come qualche cosa di demagogico e utile solo a fini elettorali. E probabilmente è in quest’ottica non confessata che ancora oggi, in molte parti del mondo, si avanza e talvolta si mette in pratica questo esperimento. Ma al di là di un utilizzo poco limpido che può venirne fatto, un trasporto pubblico gratuito inserito in un contesto di revisione complessiva della mobilità urbana potrebbe avere una sua ragione d’essere. Ma c’è di più: dato che i trasporti urbani di TUTTE le città del mondo sono ampiamente sovvenzionati dalle Amministrazioni Pubbliche, i ragionamenti che seguono possono tranquillamente valere anche per il trasporto pubblico a prezzo politico, ovviamente tenendo sempre bene in mente che “non esistono pasti gratis” e che quello che non si sborsa con il biglietto o con l’abbonamento bisogna farlo saltar fuori comunque.  E qui emerge un altro problema che si fa ogni giorno più pressante rappresentato dalla ormai cronica carenza di fondi per il trasporto pubblico. Continua a leggere

Free-for-all: Organizations around the world suppprting free public transport

Originally posted on World Streets: The Politics of Transport in Cities:

The following listing of organizations around the world that are “fighting for free public transport” has been compiled by the Swedish activist group Free Public Transport, whose aim is to provide a global forum for the free public transport movement. Their website among other things provides information about local organizations around the world fighting for free public transport, as well as cities which have already implemented it. For their latest listing, click to http://freepublictransports.com/organization/.

free pub transport - Doschdesign

View original 266 altre parole

Letter from Stockholm: Public Transport is a Common Good

Originally posted on World Streets: The Politics of Transport in Cities:

World Streets welcomes discussion of fare free sweden planka nu fair jumpingpublic transport because we believe that it is important to listen to alternative views from different organizations and countries in order to arrive at wise public policy. This contribution comes from one of the most active international groups pushing zero fair public transport, Planka.nu in Sweden.

View original 805 altre parole

Editorial: No FPT without SCR (Systematic Car Reductions)

Originally posted on World Streets: The Politics of Transport in Cities:

This is a simple fact ! Free Public Transport (FPT) has no possible justification whatsoever unless your governing officials are willing to do something about adjusting the other half of the modal mix to bring down car ownership and use in the city strategically and as quickly as possible . . . SCR – Systematic Car Reductions.

canada-vancouver-road closed - smaller

The tools for achieving these necessary adjustments in the modal split are well known, experience-proven and widely used in cities of all sizes in many parts of the world. There is no possible justification that competent public authorities not be aware of these proven tools and policies. They include most notably:

View original 581 altre parole

Rural carshare project – A thinking exercise & Invitation for comment

Originally posted on World Streets: The Politics of Transport in Cities:

rural carshare cow We keep reading and are repeatedly informed that for carsharing to work there must be good public transport, cycling and other mobility arrangements as indispensable complements. In other words for carsharing to work you have to be not only in a city, but in a certain kind of city. This position has been an article of faith for many observers for more than a decade, and while there is a certain logic to it, it turns out upon inspection there is a lot more to successful carsharing than that.

View original 1.057 altre parole

Dead End in Brazil: Interview with Bolivar Torres, O Globo Brazil.

Originally posted on World Streets: The Politics of Transport in Cities:

In the day before the opening of the World Cup in Brazil, where traffic chaos is expected to be the rule of the day (missed opportunities there?) this is a video transcript of a 20 November 2013 interview with Bolivar Torres, Brazil Sao Paulo Traffic congestionBrazilian journalist with O Globo, a leading Brazilian newspaper.  His topic: Notably unsustainable transportation and trends in Brazilian cities — seen from an international perspective. What to do? How to move from today’s failing and inconsistent ad hoc Old Mobility policies which are not getting at the roots of the problems? Perhaps toward a New Mobility Agenda?  And what if anything could have been introduced in time to improve traffic and life quality conditions for all during the coming World Cup and Olympics?

* See corrective note on photo below.

View original 402 altre parole

xCars: per una nuova motorizzazione su Facebook

FB xcars - new ways of owning and using cars 19oct13- – > Check it out at https://www.facebook.com/groups/worldcarshare/

Un “esperimento di crowd thought” su Facebook, aperto a chiunque desideri approfittare dell’occasione per esprimere idee, critiche e proposte –  o anche solo dare un’occhiata a quello che si sta muovendo in questo campo. L’idea di fondo è quella di prendere in considerazione uno spettro molto ampio di temi riguardanti le “auto urbane del futuro” e provare a realizzare una sintesi dei diversi frammenti per formarsi un punto di vista utile (o più punti di vista utili) sui dieci anni che ha di fronte l’”automobile moderna”. Continua a leggere

Meno strade e parcheggi = meno auto

Screenshot from 2013-10-20 17:52:31Oggi un breve video sullo sviluppo urbano di Utrecht durante gli ultimi 90 anni. Da luogo che accarezzava, all’alba del secolo automobile, la distopia di un tessuto urbano completamente colonizzato dal traffico privato, a città che ha saputo restituire ai propri abitanti quella piacevolezza del vivere che tutti gli spazi pubblici dovrebbero offrire. Continua a leggere

Nel prossimo futuro, meno auto, tutti più veloci: il manifesto per la mobilità dell’associazione Jungo

Manifesto

MENO AUTO: TUTTI PIU’ VELOCI

Noi dichiariamo finita la cultura dell’ “auto-a-tutti-i-costi”.

L’intelligenza si ribella all’idea di bruciare quello che resta del petrolio, per stare fermi dentro a un fiume di auto ferme. Non ci stiamo a considerare il nostro prossimo come un “ostacolo stradale”.

L’auto non definisce più uno “status”, risponde a un semplice bisogno di mobilità personale. Ma la mobilità complessiva è lenta a causa del sovrannumero di auto vuote.

Non siamo più interessati alla cultura della quantità, della fretta, dell’insoddisfazione permanente. Siamo per una cultura della “qualità”: virtù dei gesti quotidiani, vivibilità dei luoghi, sostenibilità del viaggiare. Continua a leggere