L’auto in gruppo: le piattaforme web per il car-pooling

Avete mai pensato a mettere a disposizione i posti liberi che avete sulla vostra auto? Con l’attuale livello di sofisticazione delle nuove tecnologie è diventata una cosa molto più facile di un tempo. Di seguito una rassegna della principali piattaforme web per il car-pooling. Iscrivetevi. Per spostare persone e non automobili.

dal blog di Marco De Mitri

Avete mai provato ad osservare le auto che ogni mattina congestionano le strade delle città nell’ora di punta? E’ un esercizio molto interessante, potete farlo se siete fermi ad un semaforo a piedi o in bicicletta, o anche se siete voi stessi al volante della vostra auto. Provate a contare quante sono le auto con almeno una persona oltre al conducente. Il risultato è sconvolgente: la maggior parte delle auto porta solo una persona (il conducente, appunto), e pensare che ogni automobile ha una capacità di 4-5 persone.

Il numero di persone mediamente a bordo di un’auto in ambito urbano (definito tecnicamente “coefficiente di occupazione) è di circa 1,2. Se siete in fila al semaforo, e beccate due volte il rosso perchè davanti avete 10 auto, sappiate che al loro interno ci sono appena 12 persone, che occupano ciascuna – stando in auto – uno spazio enormemente più grande di chi si muove a piedi o in bici, o scooter, o in autobus.

Parliamo spesso su queste pagine degli strumenti alternativi all’uso dell’auto privata, che consentono di conseguire riduzioni a livello di spesa monetaria e di consumi di carburante (e quindi anche di emissioni nocive, rumore, ecc.). Ma anche chi non avesse a disposizione mezzi diversi dalla propria auto per muoversi, può comunque organizzarsi per gestirla al meglio la propria mobilità motorizzata.

Il car-pooling riguarda proprio questo aspetto. Banalmente, si tratta della condivisione dell’auto tra più persone. O, meglio, della condivisione “del viaggio”, utilizzando una sola auto (magari facendo a turno) per ogni 3-4 persone che hanno la stessa zona di origine e di destinazione.

Si tratta di una pratica che negli scorsi anni era forse più spontanea e più usata… ora l’individualismo esasperato e la percezione (errata) di sostenere costi bassi per l’uso dell’auto hanno portato alla grottesca situazione che ogni mattina riscontriamo mentre siamo in coda al famoso semaforo (si va al lavoro tutti alla stessa ora, ma con una persona per ogni auto…).

Dicevamo dei costi di utilizzo delle automobili. Si tratta di benzina, parcheggio, pedaggi urbani ed autostradali, manutenzione, ecc.. (non parliamo qui dei costi fissi: assicurazione,  rata di acquisto, ecc.). Non sarebbe forse più furbo dividere i costi di uso in 3-4 persone, se vanno tutte nello spesso posto e alla stessa ora?

Ci sono diversi fattori che ostacolano o impediscono questo tipo di “utilizzo” dell’auto. Fattori oggettivi, come differenza di orari, lontananza dei luoghi di partenza, esigenze dello spostamento. Ma anche fattori soggettivi, come la diffidenza reciproca (nel caso di sconosciuti) e volontà di “starsene per i fatti propri”.

carpool 300x224 Come e perchè usare lauto di gruppo: le piattaforme web per il Car Pooling approfondimentiPer facilitare il superamento della diffidenza – legittime, naturalmente – rispetto all’idea di condividere il viaggio con uno sconosciuto, che però magari fa esattamente il nostro stesso spostamento, ci viene incontro una modalità innovativa di conoscenza ed aggregazione delle persone: si tratta delle piattaforme di car-pooling via web. Stanno proliferando con grande successo, e la spiegazione è molto semplice. Ci su può mettere in contatto anche non conoscendosi, ma ogni persona ha un proprio profilo personale, che consente di acquisire informazioni importanti sulla tipologia del compagno di viaggio (es. fumatore o meno, amante della musica, ecc.), e soprattutto sul suo comportamento in occasione dei precedenti viaggi, grazie ad un sistema di feedback (commenti sull’esperienza) rilasciati dagli altri compagni di viaggio. Si supera così il principale motivo di diffidenza, e si riesce a facilitare l’incontro di persone, che magari abitano vicino e fanno esattamente lo stesso spostamento ogni giorno, consentendogli di ridurre i costi di utilizzo della propria automobile.

Ecco alcune delle piattaforme web per il car-pooling più diffuse.

Roadsharing

E’ da tempo attivo anche Roadsharing, un servizio con più di 30.000 iscritti, promosso da varie province e da grandi aziende come Coop. E’ gratuito ed offre un modo semplice per offrire e richiedere passaggi in auto, sia occasionali che per pendolari. E’ possibile inoltre accordarsi per andare insieme ad un evento, risparmiando, inquinando meno e socializzando. L’applicazione è disponibile anche su Facebook, Twitter e FriendFeed.

ViaggiaInsieme

Il servizio ViaggiaInsieme , in rapida espansione nel territorio marchigiano (e non solo), si rivolge ad enti pubblici e privati coinvolgendoli nella promozione di questa forma di mobilità sostenibile verso i cittadini. Il sito è di facile usabilità, ed ha come punto di forza la trasparenza del flusso di informazioni ed un efficace sistema di feedback. L’integrazione con Google Maps facilita inoltre la scelta dei compagni di viaggio.

Tandemobility

La piattaforma Tandemobility offre diversi livelli di servizio a seconda che gli utenti siano aziende o privati cittadini. Nel caso delle aziende, si possono anche definire delle destinazioni per gli eventi aziendali (convention, corsi, missioni, incentive ecc.), oppure alla promozione di eventi pubblici organizzati dall’azienda ma aperti ai suoi utenti/consumatori  (eventi BTL ecc.). Tra le caratteristiche specifiche è interessante la presenza degli avatar che “descrivono” gli utenti nel loro modo di vestire, nell’acconciatura ecc. Questo aiuta ad avere un colpo d’occhio migliore sulle tipologie di utenti  nel momento in cui si consulta la mappa e si cerca un compagno di viaggio in modalità manuale (si possono infatti capire con maggiore immediatezza alcune caratteristiche dei potenziali compagni di viaggio). 

Caringbee

Caringbee è una soluzione studiata specificamente per promuovere e facilitare il car pooling in ambito aziendale. Attraverso una interfaccia d’uso molto semplice è possibile mettere in contatto domanda e offerta. Il sistema consente di registrarsi, indicare un percorso, date e orari e ricercare o condividere l’auto di gruppo con altre persone. La specificità del servizio è che Caringbee è integrabile all’interno di una intranet aziendale (versione embedded) senza modifiche, associandolo ad una URL dedicata. Il fine principale è quello di ridurre i costi del trasporto, in questo caso anche delle aziende con numerosi dipendenti, attraverso la pratica della cosiddetta mobilità sostenibile.

Postoinauto

Postoinauto ha un target ampio: si rivolge infatti sia ai pendolari (che percorrono regolarmente lo stesso tragitto), sia a chi viaggia per lavoro (es. agenti di commercio e liberi professionisti), sia a chi effettua viaggi saltuari (es. chi rientra a casa per le vacanze o il weekend). Investe molto nella sicurezza grazie all’obbligo di registrazione, al feedback e all’indicazione del numero della targa. Grazie a un’intensiva campagna mediatica e online, ma soprattutto tramite il passaparola degli utenti, anche attraverso le pagine dedicate sui principali social network come Facebook e Twitter, ha l’obiettivo di raggiungere 100.000 utenti iscritti entro la fine del 2010.

Pendolaritalia

Altra interessante piattaforma è Pendolaritalia. Il funzionamento è molto semplice: l’utente può effettuare una ricerca in base al comune di partenza e quello di arrivo in modo tale da scoprire quali utenti percorrono la sua stessa tratta e contattarli in modo rapido e del tutto privato. Ogni utente, dopo essersi registrato, ha la possibilità di caricare la propria foto e quella della sua automobile (nel caso in cui la possieda), gestire le proprie tratte e dialogare con gli altri iscritti: web come strumento di contatto. In questo modo, gli utenti, potranno condividere il tragitto e le spese del viaggio in totale autonomia.

Carfriends

In Carfriends, a differenza delle tradizionali piattaforme web per il car-pooling, autista e passeggero hanno motivazioni differenti per effettuare lo spostamento. In particolare, l’autista può sfruttare il suo tempo e la sua auto come una vera e propria opportunità di guadagno, mettendosi a disposizione per accompagnare chiunque abbia bisogno di effettuare un trasferimento per medi e brevi tratti. chi vuole richiedere un passaggio si registra in modo rapido e, dopo aver completato il profilo (che prevede anche l’inserimento di indirizzo e cellulare, in modo da dare maggiori garanzie sia al passeggero che all’autista), definisce il percorso, che viene immediatamente visualizzato su Google Maps. Può inoltre indicare se trasporta un bagaglio o altre particolari esigenze. Vengono così visualizzati i km da percorrere e la spesa consigliata per lo spostamento.

Passaggio.it

Con Passaggio.it (www.passaggio.it) è possibile cercare alternative di viaggio direttamente dal cellulare, oltre che dal normale sito web. La piattaforma verrà dotata nei prossimi mesi di una nuova versione mobile. Oltre ad un’applicazione specifica per iPhone, è in cantiere  infatti una nuova possibilità di mediazione passaggi pensata per cellulari GPS. Attraverso la propria posizione GPS, gli utenti potranno identificare la strada trovando potenziali automobilisti/passeggeri. La piattaforma supporta la visualizzazione dei percorsi con Google Mapsm ed è presente nei social media Facebook e Twitter. La sicurezza è garantita da un sistema di feedback e dal fatto che gli utenti possono autenticare il loro profilo inviando una copia di un documento personale (con anche l’opzione di car-pooling per sole donne). Infine, il sito si rivolge anche a chi desidera viaggiare per scoprire l’Italia e l’Europa (la piattaforma è europea ed abbraccia 5.000 città europee in 45 paesi).

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...